Telemark Exotica – Skiing in Slovakia

Thankfully the drive to meet Peter Kollár at his hometown of Žilina was a much shorter affair then the two previous marathons. My Four Countries in Four Days Ski Tour was a really cool idea, but being solo, the driving distances took its toll on me for sure.

The wrap-up for my trek was to be the Soul Slide Telemark Party, the brainchild of my hosts Peter Kollár and his lovely wife Eva Kollárová. This year’s edition would take place at the Slovak ski station of Kubínska Hol’a.

Timeless... The telemark Boss! Peter Kollár.--ph. Mazarei

Timeless…
The telemark Boss!
Peter Kollár.–ph. Mazarei

We had our rendezvous in the parking lot of a Lidl, the ubiquitous Euro supermarket chain. Soon we were at his smart apartment where Eva whipped up a delicious light meal. Pivo’s, a couple of shots, and wine rounded things out nicely.

Slice of Life.--ph. Peter Kollár

Slice of Life.–ph. Peter Kollár

Later, Peter suggested he and I head down to visit his local downstairs bar located conveniently in his apartment building. One of the best parts of ski travel being situations just like this: sitting down and imbibing an unfamiliar brew while connecting with residents, trying to learn a little bit about them, to try and get to know even a small slice of their lives. Doing so in a funky local bar is best of all.

Lenin needs a Mt. Baldy hat.--ph. Peter Kollár

Lenin needs a Mt. Baldy hat.–ph. Peter Kollár

But, once back upstairs I had trouble sleeping, tossing and turning all night. Dazed, I woke, run down, worked, and with a wicked flu.

The original plan was to ski Jasna, the popular Slovakian ski area, but Peter read the situation and suggested we go straight to the Tele Party location of Kubínska Hol’a so I could check into our slope side accommodation at the newly constructed Green Hotel.

Style-master Matvej Matvejcic.--ph. Mazarei

Style-master Matvej Matvejcic.–ph. Mazarei

Once there, I crashed hard till the afternoon but was able to rally to get a few runs in towards the end of the day. The cool wind and overcast felt good on my overheated body.

Peter checking the preperations.--ph. Mazarei

Peter checking the preperations.–ph. Mazarei

Immediately I met Matvej Matvejcic and his daughter. Matvej, an awesome stylish skier, was an old friend of my funhog ski bro Mario Garella, the Lone Telemarker. So we skied together and shot photos next to the beautiful ghost trees that lined the pistes of Kubínska Hol’a.

Fredrik Aslund powder skiing.--ph. Mazarei.

Fredrik Aslund powder skiing.–ph. Mazarei

The conditions were great but blustery cold up towards the top – riding the low-slung poma’s a welcome way to travel uphill.

Back down at the base restaurant, I started meeting the incoming tribe ready for the lively, cheerful vibe that goes hand in hand with tele fests around the world.

Kubínska Hol'a, Slovakia, the center of the Ski Universe. Well...it should be. Matvej Matvejcic--ph. Mazarei

Kubínska Hol’a, Slovakia, the Center of the Ski Universe.
Well…it should be.
Matvej Matvejcic.–ph. Mazarei

My old Italian bro, the Lone Telemarker showed up with his ski partner and colleague at The Hague European Patent Office, Fredrik Aslund. They drove in with a third friend, all the way from the Netherlands. Talk about committed telemarkers!

Dreamland.--ph. Mazarei

Dreamland.–ph. Mazarei

The tele party started that night at the comfy Green Hotel with obligatory ski films, camaraderie, joviality, and booze. I met a cast of characters, all telemark devotees.

European Patent Office patent pending.--ph. Mazarei

European Patent Office patent pending.–ph. Mazarei

Knowing the next day would be big and needing to feel better, I called it an early night, retired to bed and watched Lance Armstrong’s Oprah confessional live on my iPhone. It was strange to see this in Slovakia at 3am. Lance is a dick.

Got Slovak class, got Slovak style. We were well taken care of by this cat and his team.--ph. Mazarei

Got Slovak class, got Slovak style.
We were well taken care of by this cat and his team.–ph. Mazarei

Cold and snowing a bit, I met Matvej and daughter and we made our first runs together. The crew – in traditional woolen dress, were curtsy turning, having a blast. I spied Peter giving an on-snow interview for Slovak Television. It was all happening. After a bit of a break I hooked up with the Patent Office crew.

a catlike Matvej Matvejcic. Holla! at Kubínska Hol'a!--ph. Mazarei

A catlike Matvej Matvejcic.
Holla! at Kubínska Hol’a!–ph. Mazarei

Mario knew a line so we followed him into the ghost trees – great skiing here, just fantastic.

Down at the base, Peter had it all going on: ski testing, beers, dancing, shots, and food consuming. It was a Telemark Party Slovak-style. And what style it was…

A quick break then right back on it...--ph. Mazarei

A quick break then right back on it…–ph. Mazarei

This year, Peter’s Soul Slide Telemark Party will be from the 24th to the 26th of January 2014, once again at Kubínska Hol’a.

The Lone Telemarker, Mario Garella ripping in the woods. A more keen skier...I've never met.--ph. Mazarei

The Lone Telemarker, Mario Garella ripping in the woods.
A more keen skier…I’ve never met.–ph. Mazarei

Peter really tries to model his Party after the raddest Tele-Fest of all: La Skieda. If at all possible, especially to all my Italian tele buddies, I would highly recommend attending this awesome fest in an Exotic Ski Land!!!

Get on it!

Special thanks to Movement SkisScarpaRottefellaMarmot EuropePomocaI/O MerinoJones Snowboards, and Sauna Beanies.

–Bob Mazarei

Posted in Telemark | Tagged , , , | Leave a comment

Telemark Exotica – Skiing the Czech Republic

Continuing on my Four Countries in Four Days Ski Tour, I bid farewell to the beautiful country of Hungary and was soon once again in Slovakia.

This time I was able to see Slovakia in daylight and thankfully blizzard-free. Bisecting the country south to north the scenery rolled by, small towns skirted by industrial areas, pastured farmland, rolling hills thick with forest. I passed through Zvolen and marveled at its ancient castle, like stepping back in time. Zvolen’s historic square shadowed its past – the region being inhabited since the prehistoric period in human history.

Then I dropped into the Turiec Basin and up to the city of Martin, the rearview filled with reverse images of the Žiar and Kremnica Mountains, the windshield with the Lesser Fatra and Greater Fatra
ranges. An encyclopedia of mountains, a pair of skis, and enough days is what I need.

I stayed here in the awesomely cool Hotel Tanečnica, built in 1926. The ski area is below the hotel. This place is a must-visit.

I stayed here in the awesomely cool Hotel Tanečnica, built in 1926. The ski area is below the hotel.
This place is a must-visit.–ph. Mazarei

Now near the borders of both Poland and the Czech Republic, I cruised past the Váh River, through Žilina (home to my telemark bro Peter Kollár, whom you’ll read about in the next installment) past the Czech border, and up into what is known as the Moravian-Silesian Beskids mountain range, part of the Exterior Western Carpathians.

Pustevny is known for these art-deco style, log cabin buildings rich in decoration.  Typical for this region, named the Valašsko.

Pustevny is known for these art-deco style, log cabin buildings rich in decoration.
Typical for this region, named the Valašsko.–ph. Mazarei

I spied several small ski areas lit up in the dark as I wound up the mountain road and continued till I found the correct turnoff to my destination of Pustevny.

Like in a winter wonderland dream, the eerie mist surrounded my vehicle, the large trees incased in a thick heavy cloak of powder. The forests were expansive – this is unreal, I thought.

Hanging out with the lovely Katja Salonen. The World is One.

Hanging out with the lovely Katja Salonen.
The World is One.–ph. Mazarei Collection

Reaching the end, I slowly passed storybook structures dreamed up by whimsical architects. I’d reached the ski area of Pustevny, elevation 1020m. Locating the funky, charming, and awesome Hotel Tanečnica, I checked in with the lovely Gabriela, got settled then hit the restaurant. I was the sole patron, which suited me just fine as I tucked into a killer pepper steak dinner and three pivo’s, 16 euros total.

Powder skiing the Radegast Trees, Czech Republic.--ph. František Holiš

Powder skiing the Radegast Trees, Czech Republic.–ph. František Holiš

The foggy morning added to the mystique as I moseyed to the lift. The hamlet of Pustevny consists of charming traditional folk-style wooden buildings and is located at the top of the ski area, meaning you ski down from the hamlet.

Pavel Zátorsky, eye of the Tiger.--ph. Mazarei.

Pavel Zátorsky, eye of the Tiger.–ph. Mazarei

I love ski stats, so here is one. Famously, the first chairlifts ever built were created for the ski resort of Sun Valley, Idaho in 1936 and 1937. Conversely, most skiers would never guess that in 1940, the very first chairlift in Europe was built right here in Pustevny. The chair linked Ráztoka at 620m with Pustevny at 1020m.

Veronika Zátorsky working her K2's. I can just imagine deep powder days here.--ph. Mazarei

Veronika Zátorsky working her K2’s. I can just imagine deep powder days here.–ph. Mazarei

At the ticket window a nice older English-speaking lady explained that the Ráztoka was running for a short time once an hour due to lack of skiers. She told me only the two lifts accessed contouring west around the u-shaped ski area were viable. Like 1.5km away, she said, and tried to explain where to go. My befuddled look prompted her to flag down an older skier to show me. The old dude took me around. As we approached the t-bar and poma lift combo heading up the nice-looking piste I couldn’t help but notice the forest and its perfectly spaced trees.

No stress powder skiing.--ph. František Holiši

No stress powder skiing.–ph. František Holiš

Heading up the poma with the forest on my left and the piste and sporadic ghost trees on my right, I spied a couple of tracks ducking into the forest. That particular spot looked to be too dense however.

My bro František Holiš working the spaces. This was a wonderful forest to ski...--ph. Mazarei

My bro František Holiš working the spaces.
This was a wonderful forest to ski…–ph. Mazarei

I ran the piste a couple of times, arcing the groomed, seeing only a few other skiers. I needed to find someone to ski with, both for area knowledge as well as some photo action. Partway down the piste I went in to the small snack stop and ordered a Radegast Ale from the lovely Katja Salonen, and explained my situation. But there was no one around.

A beer break. The pivo? Named after the pagan God, Radegast.--ph. Mazarei

A beer break.
The pivo?
Named after the Pagan God, Radegast.–ph. Mazarei

Heading up once again, I dipped into the forest, skiers right and found tree ski nirvana. I zipped through those big trees exiting on the access track I’d come in on. That was a sweet run, I pondered.

I recruited some cool Czech skiers to show me around and help me with pics.  Here, Pavel Zátorsky is powering through the trees near Velká sjezdovka. Sweet trees.--ph. Mazarei

I recruited some cool Czech skiers to show me around and help me with pics.
Here, Pavel Zátorsky is powering through the trees near Velká sjezdovka. Sweet trees.–ph. Mazarei

Then I spied a dude on fat skis and a GoPro on his helmet. Bingo: here is my guy.

Ambience par excellence.--ph. František Holiš

Ambience par excellence. Bob Mazarei getting after it.–ph. František Holiš

His name was František Holiš. I explained my desire, and he, along with the husband and wife team of Pavel and Veronika Zátorsky, took me under their wings.

Airplane turn.--ph. Mazarei

Airplane turn.–ph. Mazarei

We skied the forest together and it was sublime. (Sublime and Nirvana: Pustevny tree skiing as well as two kick-ass bands). After a couple of times Forest Ranger rocking, František motioned for me to follow him east along the top of the lift.

The ski world revolves around the Czech Republic. Well...it should.--ph. František Holiši

The Ski World revolves around the Czech Republic.
Well…it should.–ph. František Holiš

He knew the area well and when he hooked left, we followed. I have my three new skier-friends to thank for my eye-opening Radegast tree experience here in the beautiful Czech Republic. I hope to be able to return the favor one day.

There were maybe twenty skiers the whole day.--ph. Jaromir Sablatura

There were maybe twenty skiers the whole day.–ph. Jaromir Sablatura

Later, pivos all around, Katja introduced me to my final Czech mate on this wonderful day, Jaromir Sablatura. Several pivos down, I bid farewell to my friends, then Jaromir drove me in his robust snowcat back to where I started in the morning. So sweet.

My Czech Mate, Jaromir Sablatura.--ph. Mazarei

My Czech Mate, Jaromir Sablatura.–ph. Mazarei

Back at my rental Renault, I packed up tight and started back the way I’d come, back to Slovakia for my rendezvous with a certain Peter Kollár.

Special thanks to Movement SkisScarpaRottefellaMarmot EuropePomocaI/O MerinoJones Snowboards, and Sauna Beanies.

–Bob Mazarei

Posted in Telemark | Tagged , , , | Leave a comment

GLI ITALIANI IN COPPA DEL MONDO

Lo scorso fine settimana è inziata la Coppa del Mono di telemark. Le prime gare si sono svolte a Hintertux durante il Freeheel festival autriaco, festival che da anni dà inizio alla stagione del telemark.
Le notizie sono solo positive.
Prima notizia: La Coppa del Mondo e i Festival si uniscono per un’ottimizzazione degli sforzi reciproci e per una maggior audience. Il risultato è stato ottimo. Gli atleti sono stati immersi e contornati da altri telemarker. Gli sciatori alpini, sempre numerosi in Austria ad apertura stagione, hanno potuto rendersi conto che il telemark non è solo festa ma esiste anche una parte agonistica. E di livello.
Seconda notizia: Per la prima volta ha partecipato una squadra riconosciuta dalla Fisi.
Terza notizia: Gli atleti italiani si sono comportati assai bene. Davide Dallago, il responsabile della squadra, è arrivato 27mo il venerdì nell Sprint; 35mo il sabato sempre in sprint. Lena, l’unica ragazza si è piazzata 13 sia nella Sprint di venerdì e sabato così come nel Parallelo Sprint.
Quarta notizia: Julian Giacomelli che fino all’anno scorso ha gareggiato in Coppa del Mondo di sci alpino (per la Germania in quanto ha doppio passaporto e gli ultimi anni aveva gareggiato per la Germania) nonostante un po’ di problemi nella prima gara di venerdì e una caduta nella prima manche del Parallelo Sprint della Domenica, ha segnato il 5 tempo assoluto di manche nella seconda! Insomma atleti stanchi dell’alpino possono, come spesso detto e ripetuto (anche in Fisi) ottenere degli ottimi risultati in Coppa del Mondo di telemark. In primavera, magari anche arricchito d’esperienza, Julian dovrebbe inziare a gareggiare per l’Italia (sperando i tedeschi non se lo tengano)!
Quinta notizia: tutti e tre salteranno il prossimo ciclo di gare a Le Contamine in Francia (per impegni professionali) mentre gareggeranno a Rauris il 17 e 18 Gennaio
Sesta notizia: rappresentanti del Telemark Club Appennino erano sulle piste ad incitare tutti gli atleti e soprattutto gli italiani
Settima notizia: qualche azienda è già entrata a far parte del Pool Telemark, speriamo altre lo facciano in un prossimo futuro.
Ottava notizia: ad aprile si svolgeranno in Faloria i Campionati Italiani di Telemark.
Nona notizia: … c’è posto per altri atleti ed atlete basta scrivere a
davide.dallago@gmail.com e sapere le regole di partecipazione e programmi
Se interessa potete vedere i video di tutto il fine settimana di gare a Hintertux consultando il sito

Bravo Davide, Lena, Julian (ma cambia nazione, please)

Ciao Luca

Posted in Editoriale, Persone, Telemark, Video | Tagged | Leave a comment

MORBIDO INIZIO

Livigno e la Carosello 3000 hanno fatto una sorpresa a chi era qui Domenica 24 novembre, residenti e non, aprendo la cabinovia del Tagliede. Accesso e risalite gratis! Insomma la sorpresa è stata un bel regalo col fiocchetto della gratuità.

Ho lasciato l’auto alla Scuola Sci, ho calzato gli sci e ho morbidamente inziato la stagione 2013/14. Camminando in piano ho approfittato della naturalezza del tallone che si alzava ad ogni falcata. Avessi avuto i talloni bloccati avrei arrancato in modo, non dico innaturale ma non più consono ai movimenti di tutta la passata estate.

Ho verificato che ancora una volta il telemark rispetta i movimenti quotidiani e non obbliga a sforzi che richiedono allenamento e/o la convinzione o l’obbligo di volerli apprendere per poter sciare. Quanto di più “morbido” che sciare usando i movimenti del camminare, del correre senza sforzarsi.

Quattro discese, tre delle quali in neve profonda (poca ma profonda) e ho deciso che la giornata poteva definirsi conclusa. Conclusa con soddisfazione e rispetto di un fisico non più abituato allo sciare dopo un’estate in barca a vela.

Proprio un morbido inizio. Il proseguio? Sicuramente per me è motivo d’ispirazione il video che potete vedere e godere qui di seguito. E’ un video molto vecchio, basta vedere i fotogrammi e anche le attrezzature usate ma è di eleganza superiore rispetto tutto quanto altrimenti proposto. Mi domando se ho ancora l’agilità e freschezza per sciare così. Spero ma mi rendo anche conto che per poterlo fare devo – cosa già iniziata da tempo – ripensare l’attrezzatura che utilizzo. Sci più stretti? Si. Scarponi più bassi? Si e forse anche qualcosa della tecnica. Se mi cogliesse il dubbio che così facendo non poteri più sciare in modo moderno basterà ricordare l’eleganza, l’efficacia e bellezza di queste sciate in neve fresca. Qualità che permettono di rimanere attuali scordandosi appellativi quali: vecchio, attuale, moderno, dinamico, atletico etc … Buona visione

Posted in Attrezzatura, Editoriale, Telemark, Video | Tagged , , , , , | Leave a comment

IL VERO COUNTDOWN

Dopo Ottobre Rosso, che ha avuto un notevole successo – forse perchè era noto non ci serebbe stato il vecchio brontolone Luca – siamo in prossimità dell’inverno sciato. Per ora di neve poca anzi quasi troppo caldo, almeno qui nelle Alpi. Se scorrazzate su Internet avrete visto che a Verbier sciano, in Usa altrettanto, a Niseko già 50 cm di neve e a Gulmarg … polvere fino al ginocchio. Aspettiamo, arriverà.

Proprio oggi visionando le foto della passata stagione – insieme a Stefano dobbiamo fare una serata sul telemark ad Acqui – mi è tornata la voglia di sciare. Poi ho pensato che se la neve arriva solo ad avvio stagione, la mia passione e pulsione morirà subito visto che dovrò insegnare. Cosa assai diversa che sciare. Ma va bene lo stesso.

Un po’ di considerazioni. Da tempo il sistema di attacco Dynafit è sul mercato e sempre più con successo. Oramai è il “sistema” per lo sci alpinismo, quello a tallone bloccato e da un paio di anni si sta proponendo anche nel mondo del tallone libero. Ricordo due o tre anni fa, quando in Scarpa mi fecero vedere l’NTN Freedom e mi chiesero cosa ne pensassi. Lo criticai subito per la diversa inclinazione rispetto al Freeride e cercai di attirare l’attenzione dei tecnici sul potenziale degli attacchi, in sviluppo, basati sull’attacchino (il puntale) Dynafit. Non so cosa stiano sviluppando in Scarpa ma mi auguro che abbiano tenuto in considerazione quell’appunto. Se hanno scordato il mio intervento sicuramente faranno qualcosa, e così anche gli altri. L’efficenza ed efficacia – non solo la leggerezza – del sistema Dynafit è acclamata. Oramai molte aziende ne propongono varianti dalla maggior sicurezza: Trabucchi, G3, Dynafit, Fritchi. Si affermerà anche nel telemark.

Personalmente ritengo siano due i problemi di oggi: non ci sono scarponi adatti a questo sistema; ritengo che allo stato attuale ci vogliano i cavi. Il futuro ci dirà se il sistema avrà successo. In un certo senso mi dispiace per NTN ma tutto il mondo dello sci di salita e discesa va verso la leggerezza e NTN è proprio dall’altra parte della luna.

Scarponi. La mia sensazione è che tutti siano fermi. I modelli sono gli stessi da anni. Vanno benissimo ma volendo e sapendo cosa fare potrebbero essere migliorati. Ma perchè nulla si muove? Bhè perchè i numeri non crescono o almeno non crescono come le aziende vorrebbero. Loro hanno bisogno di numeri – i famori break even – perchè solo se ci sono XXXX numeri si guadagna. Scarpa è leader del mercato. Che però vede sempre più vendite di Crispi. Direi che Crispi ha eroso abbastanza il mercato di Scarpa. Non parlo per l’Italia ma parlo guardando al mondo e sciando un po’ dappertutto ne ho visti sempre più. Garmont ha venduto a Scott e non credo quest’ultima bolla e smani all’idea di mettere in produzione nuovi modelli, punterano sul Freeride e Sci alpinismo. BD? So che nel 2014 BD doveva proporre del nuovo. Non so se il 2014 è l’anno di partenza o già l’anno di proposta. Vedremo. Da un lato dubito BD si sforzerà di proporre del nuovo (sempre troppo piccoli i numeri) ma la loro inventiva (vedi i nuovi Airbag senza bombola ma con un sistema a ventilazione forzata dell’aria nei palloni) me li fa vedere come quelli che potrebbero proporre veramente qualcosa di nuovo. Loro sono molto orientati al marketing. Se ragionano e decidono che proponendo qualcoa di veramente nuovo ed efficace può permettere loro di divenire leader di meracto… Vedremo.

Ritorno agli attacchini. Finchè ero nel mondo degli scarponi sapevo che uno dei grandi problemi dell’attacchino Dynafit era la mancanza di omologazione del TUV. Mancava un protocollo di verifica e test di sicurezza. Il motivo è che per avviare un protocollo basato su normative e criteri nuovi ci volevano e ci vogliono molti soldi. Qui, se le cose fossero ancora così, ci sarebbe un po’ da arrabbiarsi in quanto consumatori. Ma come!? Dynafit ha realizzato enormi incassi dall’idea. Vendeva paia di attacchi a palate e nè lei nè altre aziende volevano consorziarsi per definire il nuovo protocollo? Se così è ancora è una beffa per noi sciatori. Forse, e dico forse perchè non sono più nel “giro”, qualcosa è cambiato. Ma fino a poco tempo fa usare l’attacchino significava prendersi il rischio. Non che la cosa mi turbasse e mi turbi ma che presa per i fondelli. E chi la subisce o subiva: gli sciatori.

Credo che questo scritto, così come molti dei miei precedenti, non interessi molti. Ma copio qui un’asserzione assai importante e vera: “Alcuni possono disdegnare ciò che segue come irrilevante. Ma non è così. Il futuro è determinato da quelli che ridefiniscono i confini non da quelli che li accettano così come sono”.

Le novità di questa stagione? Bhè gli attacchi con sistema Dynafit; degli atleti italiani impegnati in Coppa del Mondo perchè la Fisi ha deciso di costituire una squadra; i filmati del gruppo Istruttori Nazionali. Direi che è molto e molto diverso da quanto proposto fino a ieri. Non che quelle proposte fossero irrilevanti ed errate ma erano sempre un po’ uguali. Ciò che definisco novità della stagione ha il valore di essere diverso, nuovo e al passo coi tempi.
Spero e se non fosse così sarebbe un peccato, spero molti più di quanti siano oggi vogliano provare a far gare. C’è spazio e gloria per chi vorrà impegnarsi.

Volantino reclutamento atleti per gare di telemark

Ultima cosa. Viaggi. Come già scritto quest’inverno proponiamo, a Gennaio, i Pirenei. Un viaggio che costa molto meno di Giappone e Kashmir. Ci aspettiamo quindi molte adesioni. Se siete interessati scriveteci.

Ciao Luca e Stefano

Posted in Attrezzatura, Editoriale, Eventi WP, Telemark, Viaggi | Tagged , , , , , , , , , | Leave a comment

COUNTDOWN

Poche righe, tante curve.

Il prossimo fine settimana ripartiamo con Ottobre Rosso. Come già scritto l’appuntamento è all’hotel Folgore del Passo dello Stelvio. Non scrivo di quanta neve ha fatto, di polvere, di condizioni o altro, molti hanno già speso molte parole e post in merito.

Vogliamo gente che ha voglia di sciare. Punto

E che ha voglia di fare la merenda.

A sabato, ciao

Luca, Nano, Carlo e Davide

Posted in Telemark | Leave a comment

OTTOBRE ROSSO…PARAFFINATI IL PALATO 19 e 20 OTTOBRE

Eccoci.

Luca ha passato l’estate in barca facendo il mozzo per Briatore nell’isola di Wight, canticchiando tutto il giorno il ritornello dell’omonima canzone per Flavio e suo figlio Falco Nathan mentre la Gregoraci chiedeva spiegazioni di come affrontare una curva in telemark. L’ultima risposta di Luca è durata dalla Manica al canale di Suez. E’ però riuscito a portare alle Cayman i suoi averi: 2 sci Scott rispettivamente 174 e 186, lo sci da gobbe, I prototipi dei T2, 26 pacchetti di tabacco Golden Virginia, cartine, 50 litri di succo di mele regalatogli da Silvano e la Hyundai.

Nano , dal canto suo, ha avuto un periodo di transizione. Svegliatosi una mattina ha realizzato definitivamente di aver perso i capelli ma , continuando la sua collaborazione con Dalbello, ha deciso di trapiantarsi la cresta di Glen Plake. Il problema si è presentato al primo tour in bicicletta come guida, dove il casco risultava decisamente scomodo. Aiutato dall’amico Enrico Pizzorni, guida spirituale ed enogastronomica di rilievo, ha optato per la famosa “riga in mezzo, metà da na banda e metà dall’altra”. Risultato: sembrava Amanda Lear. Così Enrico lo ha portato dal suo barbiere di Bolzano soprannominato Geronimo che gli ha fatto lo scalpo.

Carletto è un bel casino. Ha venduto il furgone con dentro tutti gli sci, la bici, i suunto, l’attrezzatura d’arrampicata, l’ipod, l’iphone, ipad, mac book13, mac book 15 e Mac Donald per comprarsi un più confortevole “caddy” elettrico da golf. Pochi consumi nel fare giornalmente il Rolle, unica pecca…non ha il tetto. Fonti meglio informate dicono che stia rilevando la ryanair per stabilire un contatto low cost su Ginevra.

Abbiamo anche Davide Vitella, sempre pronto in qualsiasi occasione lo hanno visto girare  sull’Altissimo abbracciato ad uno degli orsi del progetto Trentino Life Ursus ed in coppia cantare ” E se son ciok porteme a ca'”.

Quindi il 19 e 20 Ottobre torna “Ottobre Rosso”. Solita logistica, molti arriveranno dal Venerdì sera, l’appuntamento è sempre all’hotel Folgore da Claudia 0342 903141. Affrettatevi a chiamare perché i posti non sono molti quindi……SVEGLIA!!!

Solito appuntamento con la merenda pomeridiana, organizzatevi con prodotti legati al vostro territorio e oltre agli sci…PARAFFINATEVI IL PALATO!!

Luca, Nano, Carlo e Davide

 

Posted in Telemark | 1 Comment

BACH

Se una musica del 1700 con uno strumento moderno come la chitarra elettrica da questi risultati – sembra Hendrix – con gli attacchi a tallone libero si deve riuscire a fare lo stesso.

Posted in Editoriale, Telemark | Leave a comment

PERICOLO SVENTATO

Pochi sanno e ancora in meno crederanno ma nell’ultimo Consiglio dei Ministri, oltre all’abolizione dell’IMU all’ordine del giorno c’era anche la cancellazione di Ottobre Rosso. Il più acerrimo sostenitore dell’annullamento di Ottobre Rosso è stato Brunetta. La sua tesi era essere troppo pericoloso sciare in neve profonda. Ad un certo punto, irritato, è scattato in piedi o meglio è saltato giù dalla sedia e nonostante non lo vedessero più ha gridato la sua impossibilità di sciare neppure in una spanna di brina. Già una spanna è troppo per lui!!!

Per fortuna Silvio ha messo tutti a tacere, prima sostenendo i referendum dei radicali – anzi si è lamentato non ce ne fosse nessuno che proponeva la liberazione del Bunga Bunga – poi smentendo e poi riconfermando. In ogni caso il suo intervento ha ricomposto la diatriba, messo a tacere Brunetta e alla fine ha detto: “O l’amnistia o salta Ottobre Rosso!!!!” “Altro che il governo!!!”. Letta e company terrorizzati hanno dato il via libera alla riconferma di Ottobre Rosso intuendo che da quest’autunno gli sciatori,  risparmiati i soldi (ah, ah …) con l’Imu li spenderanno tutti nello sciare.

Ecco quindi una piccola notizia nascosta, (a proposito e volontariamente da parte dei giornalisti, razza infida e al soldo di Repubblica) che difficilmente leggerete sulla stampa nazionale. Le reazioni alla notizia sono state diverse e contrastanti. Diciamo che la sensazione è che ambedue i partiti nazionali vogliano accaparrarsi l’onore di aver salvato Ottobre Rosso. La Santanchè ha sostenuto che tra i Senatori a vita avrebbe visto meglio Sondre Norheim. Epifani ha sbottato con un: “Basta, il merito è chiaramente della sinistra”!

Annullata l’IMU, Silvio sostenitore della tesi esserci finalmente in giro un sacco di soldi (forse lui, io no!) vi aspettiamo ad Ottobre allo Stelvio in migliaia. Le date le comunicheremo più avanti quando la voglia di sciare crescerà e vi prenderà per astinenza estiva.

Noi di WP dubbiosi sull’enorme quantità di denari liberata dall’abolizione dell’IMU abbiamo deciso però di stare in campana e per la prossima stagione invernale non proporremo più viaggi sciistici esotici ma il FreeRide Low Cost!!! (Oh questa non è una balla ma verità altrimenti non ci credete). Basta Giappone, basta Norvegia ma bensì SPAGNA, PIRENEI. Anche di questo nuovo programma vi faremo sapere più avanti, magari proprio allo Stelvio in occasione di un nuovo e sorprendente Ottobre Rosso.

Giusto per capire dove andremo a sciare e che qualità di sci offrono i Pirenei guardatevi questo: 

Togliete salti e cliff e precipizi e sognate. O prenotatevi per Low Cost High Quality Freeride con WP.

Tutto questo è vero e confermato da WP anche se domani Silvio, come da sua abitudine dovesse smentire.

Ciao quelli di WP

Posted in Editoriale, Eventi WP, Persone, Telemark, Viaggi | 2 Comments

C.C.P. Icaro

Va di moda il RIP. Io preferisco CCP. Non solo Rip mi da proprio fastidio. Un modo banale e rapidissimo per salutare un amico. Troppo rapido, contratto troppo lapidario. La sfortuna vuole che anche in Inglese l’acronimo si scriva nello stesso modo e allora ci fa star bene sentirci vicini agli yankee. (A proposito attenzione che da pochi mesi in Usa va moltissimo “faigata”. Noi usiamo il loro “cool” e loro hanno chiesto come traduciamo – figata – il problema è che glielo hanno scritto e loro la “i” la leggono “ai” -. Preparatevi però a capire velocemente e ad usarlo all’americana: “Faigata”).
Ma torniamo ad Icaro. Gli auguro CCP “Continua Come Prima”.
Vi vedete Icaro che si accontenta di riposare? e per di più in pace?
Già non sappiamo cosa c’è “di là”. Chissà, potrebbe esserci l’esatta copia di qui. Icaro si troverebbe ad uno sportello con scritto Accettazione. “Scusi sono appena arrivato (che è un assurdo visto che Icaro arrivava sempre in ritardo e questa volta – mannaggia – è arrivato troppo troppo presto). La segretaria: “Oh, si accomodi là e si sieda abbiamo ancora da smaltire l’ingorgo della Seconda Guerra Mondiale”. Cosa pensate farebbe Icaro. Come sempre ha fatto. Si sarebbe organizzato, aperto l’enorme zaino che portava, sparpagliato le sue cose, attaccato bottone … Come Prima.
Paolino mi raccontava che Icaro aveva sempre zaini enormi perchè portava tutto sempre doppio. Due paia di guanti, due occhiali, due cappelli e così via. Uno fatto così pensate non abbia sempre portato con sè una seconda vita? Io credo di si e mi piace pensare che l’affronti CCP, continuando come prima.
Se si reincarnasse lo vedrei bene in una mucca. Bella pacifica, paciocosa, sempre un po’ in ritardo. Nella nostra vita Icaro portava al collo una collana di fiori, nella nuova al posto del campanaccio lo vedrei con una bella cravatta. Alternativo anche lì. Legato ai fianchi un bel carretto modello Westfalia (ce ne sono anche per mucche e buoi) con su tutte le sue cose. In quantità doppia ma forse le caricherebbe in modo triplo adesso per poter affrontare una nuova terza vita ma sempre, come ci auguriamo, Continuando Come Prima. Ok Icaro?

Posted in Editoriale, Persone, Telemark | 4 Comments