Mi rimetto in gioco

 

A volte nella vita si sente che sarebbe bello cambiare. Forse questo momento sta arrivando per me. Sogno di riuscirci, debbo aspettare ancora un po’ che due o tre cose si districhino e lo scenario potrebbe spingermi ad un ennesimo “folle” passo.

A tutto questo mi spinge l’età e lo scenario generale che vedo intorno a me, questi i fattori principali ma è anche un’analisi più generale.

Per spiegarmi “non ci sto più dentro” alla realtà sciistica odierna. Lo scenario attuale della vita e dello sci, telemark incluso, non mi sta più bene e vorrei spendere il tempo futuro non per convertire la gente ma per offrire qualcosa di diverso. Un qualcosa che forse la maggioranza degli sciatori, inconsciamente vorrebbe ma guardandosi in giro non vede. Si tratta di creare un’alternativa, una nuova offerta.

Lo sci di oggi e il telemark, fatti di velocità, gazzarra, musica a tutto volume non può andare lontano. La mia idea è di uno slowski e nulla più del telemark offre la possibilità di godere di quanto viene sempre più dimenticato: lentezza e contemplazione, poca gente e silenzi, pause sulla neve per osservarla e celebrarla e non solo sciarla. Lentezza per sentirla e non velocità folle per dimenticarla alle spalle.

Stile per sentirsi belli e con stile intendo quella rotondità che solo il telemark ha ancora.

Forse anch’io ho contribuito a spingere il telemark fuori strada, oggi mi auguro di poter seminare qualcosa di veramente alternativo, non tanto e solo allo sci ma soprattutto alla gente che va in vacanza per rilassarsi e oggi ha solo un offerta stressante.

Spero di poter decidere di cambiare vita entro un mese, ho molti progetti, idee per il telemark e lo sci.

Un primo passo l’ho fatto: ho dato le dimissioni da Istruttore Nazionale di telemark. Non per polemica, non per dissenso a idee e percorsi didattici ma solo e soprattutto per sentirmi libero. Tutte le regole, le istituzioni, le sovrastrutture mi stanno strettissime e vorrei riuscire d uscirne. Per ora è un sogno … no un progetto sulla carta, spero possa diventare un nuovo percorso da vivere e offrire a chi, come me, sente o ha già deciso che “qui dentro non ci sta più”.

Via via che la matassa si sbroglierà troverò le nuove energie per rimettermi in gioco e chi vorrà potrà giocare con me.

A presto e Buon Anno Nuovo, Luca

1 81 82 83 84

Login

Navigando su questo sito, l'utente accetta l'uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi