SONO UN DELINQUENTE

SONO UN DELINQUENTE

Sono un delinquente: rubo ad ogni lezione. Gaspa-diabolik

Rubo ai miei allievi qualsiasi essi siano, qualsiasi sia il loro livello così come ad ogni sciata fatta con i forti telemarker che conosco.
Guardo il loro corpo, l’effetto che riescono a trasmettere agli sci grazie alle loro movenze e cerco immediatamente di eseguirle. Ogni volta trovo novità e benefici. Rubo, rubo e mi piacerebbe diventaste tutti miei complici! Rubo indifferentemente ai poveri – principianti e medi – e ai ricchi – i migliori.
A farmi sentire un po’ meno in colpa ci pensa ancora una volta Thomas Kostner. Mi racconta di una scoperta della facoltà di neurologia di Parma. Mi parla dei neuroni specchio. Sintetizzo. Alcuni neuroni del cervello tramite l’osservazione di un azione compiuta da altri si eccitano e sono pronti a stimolare i muscoli che producono quell’azione. Ancor prima di fare, osservando e grazie ai neuroni specchio i muscoli giusti sono pronti a eseguire. Fantastico. Come apriamo gli occhi appena nati, siamo già ladri.
Se fate lezione chiedete al maestro come si fa, il perché ma soprattutto osservate attentamente. I vostri neuroni specchio godranno ma non solo, subito sarete in grado di eseguire. Inizialmente in modo grezzo ma ci riuscirete. Valutate se il maestro è uno di quelli che si limita a spiegare oppure dimostra anche. Se invece siete maestri, per facilità anche vostra fate vedere! Dimostrate.                                          Un movimento evidente è offrire all’allievo e i suoi neuroni specchio una possibilità. Gaspa-diab2
Ribadisco ai telemarker di non guardare solo le gambe, l’inginocchiamento. Alzate lo sguardo. Le azioni delle braccia – l’effetto paracadute – di cui ho già parlato sono evidenti. Se non li osservate i neuroni specchio lavoreranno solo per quanto riguarda la stimolazione dei muscoli delle gambe. Quel che non possiamo vedere sono le tensioni, le contrazioni e le decontrazioni che questi gesti inducono nella muscolatura del tronco. Quello che veramente è importante per l’equilibrio. Ma le braccia sono così evidenti!
La dimostrazione di un esercizio troppo perfetto, troppo pulito, credo stimoli troppo poco in generale e men che meno i neuroni specchio che madre natura ci ha regalato. L’esercizio perfetto è fine a sè stesso. Susciterà solo invidia. e può darsi sia eseguito così per creare solo invidia.                                                                                                                      Non voglio essere maligno, ma temo che molte volte sia eseguito così anche per dimostrare la superiorità del maestro mentre il vero maestro dovrebbe mettersi al livello dell’allievo.Gaspa-diab3
Da tempo credo che le tecniche di scivolamento della Scuola Italiana, sia di sci alpino, di snowboard, di telemark siano troppo perfette, quasi invisibili e quindi poco stimolanti e copiabili.

Tutti i racconti già pubblicati li potete trovare in questa SEZIONE

Tutti i racconti sono rilasciati con licenza:
Cc-by-nc_icon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login

Navigando su questo sito, l'utente accetta l'uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi